Il fermo dello scrittore, o il fermo del viaggiatore?

Vi siete mai sentiti, nel vero senso della parola fermi? Intrappolati in un limbo, incapaci di cambiare, sia la vostra situazione, sia voi stessi come persona, come carattere, come idee, come scopi, come obbiettivi. Io in continuazione! Guardo la mia meta, la mia idea di viaggio vista dal punto di vista puramente filosofico, ideologico, cioè in pratica, quel viaggio che vorrei compiere, per potermi conoscere meglio, per poter capire quel qualcosa in più che ora come ora mi manca, o che non riesco ad afferrare, anche se mi sembra d’averlo sulla punta della lingua, ma mi sfugge continua a sfuggirmi giorno per giorno. Guardo in fondo alla via, e non riesco a vedere nulla, solo buio, solo rassegnazione, e mi viene il panico, devo dirlo; Eppure so esattamente cosa voglio dalla mia vita, o meglio so quali sono le mille cose che vorrei fare nella mia vita, anche se, come tutti noi sappiamo, non si sa neanche quanto dura questa vita, ma non è certo della morte che ho paura, anzi, forse quella, scusate la drammaticità dell’affermazione che sto per fare, ma quella è l’unica mia certezza, non tanto religiosa ma più che altro scientifica della vita, della mia vita. Eppure poi capitano alcune giornate, come queste, in cui mi sveglio e mi sembra tutto così fottutamente facile; mi guardo dentro, e non ho neanche bisogno di riflettere che subito so già come affrontare un determinato problema, mi sento libero, mi sento senza catene, so che al mondo non ci sono solo situazioni impossibili, ma ci sono anche le soluzioni per queste situazioni. E poi tutto ad un tratto, il NIENTE, come se per sbaglio avessi premuto il tasto reset delle mie sensazioni, e dovessi in un certo qual modo ri-imparare tutto quello che so di me e della mia vita in generale; mi fermo immobile a guardarmi, per poter cogliere qualche cambiamento, ma non riesco a percepire nulla, solo un certo rammarico per aver perso tutta quella sicurezza che avevo prima o che ho sempre creduto di avere, magari nascosta da qualche parte dentro di me. Sicurezza, che parola spaventosa. Ormai chiunque la usa per definire un probabile futuro, in cui desidera essere rispetto a questo presente pieno di incertezze. Ormai qualsiasi persona desidera, più di ogni altra cosa sicurezza, economica o lavorativa, magari sentimentale, familiare, ogni tipo di sicurezza che si possa pensare. Solo sicurezza, ormai l’adrenalina sembra essere solo un ormone, un mediatore chimico, un qualcosa di spiegabile solo in un laboratorio chimico; l’adrenalina non è più un termine che potrebbe descrivere uno stile di vita, un momento della propria giornata, o un esatto momento che si sta vivendo chissà proprio ora, no non è più cosi.

Ormai sembra che nell’aria, non ci sia neanche abbastanza Ossigeno per poter respirare a pieni polmoni, e potersi rilassare anche solo per un istante, per poi poter ricominciare a vivere, a sentirsi vivere, per poter poi dare una marcia in più alla nostra vita. Sembra praticamente che pian piano la chimica stia andando via da questo mondo, per far spazio alla meccanica rigida di questa società che ti obbliga a restare immobile, in uno stato di perenne ansia, e preoccupazione. Ansia, paura, futuro, ormai queste parole stanno diventando parte di noi, ci stanno cambiando, sempre di più; ogni secondo che passa ci cambia, sempre più preoccupati, impauriti, fermi, immobili. Sembra ormai che non riusciamo a cogliere altri termini, più positivi, o almeno più ottimisti; non riusciamo più a vedere il bello delle sfide, vediamo solo la difficoltà di queste, vediamo l’insicurezza che queste ci portano, vediamo un muro, non l’infinito dietro un cespuglio, vediamo solo l’assoluta negatività nel perseguire un obbiettivo. Ogni cosa che facciamo, e dettata da programmi, da calcoli, analisi, che portano a complicare la cosa stessa, senza lasciarci liberi di osare, di immettere nel nostro circolo sanguigno quell’adrenalina che sembra essersene andata insieme all’ossigeno da questo mondo. Forse è questa la soluzione, dovremmo far tornare l’amore per la chimica in questo mondo, e insieme alla chimica far tornare quel senso di libertà che ogni persona dovrebbe avere, quel senso di menefreghismo e anarchia mentale che porterebbe un po’ più di pepe in tutti e dico tutti noi; potersi buttare su un prato verde, senza pensare al fatto che ci si possa sporcare, andare in giro a fare una passeggiate potendo fischiettare senza pensare che la gente possa pensare male, poter correre sotto la pioggia senza pensare alle conseguenze, comprare un biglietto il giorno prima di essersi decisi di partire per una meta sconosciuta, poter prendere uno zaino e poter partire per chissà dove senza dover pensare alla famiglia alla carriera alla sicurezza. Da oggi insomma, non voglio più essere fermo, non voglio essere più sicuro, ma al contrario voglio essere sempre e dico sempre più INSICURO, voglio da oggi mancare di sicurezza, e poter scappare da tutta questa rigida condizione. Vorrei essere quello che davvero sento di essere!! Cosa!? lo scoprirò solo vivendo.

“siate affamati. siate folli.”